Ear Training con gli Intervalli Melodici

Aggiungi un commento all'Articolo

La capacità di riconoscere e saper intonare un intervallo melodico (due note, cioè, suonate l’una di seguito l’altra) gioca un ruolo molto importante nell’improvvisazione e in musica in generale. Tenendoci nell’ambito di un’ottava, abbiamo a disposizione 12 intervalli (escludendo quello di unisono) e ognuno può avere due direzioni, ascendente o discendente:

Intervalli entro un'Ottava

Ci troviamo quindi di fronte ad un gruppo di 24 intervalli melodici, cioè di brevi melodie composte di sole due note, e il nostro scopo è di imparare a riconoscerli tutti.

Ganci Melodici

Ogni intervallo ha delle proprie caratteristiche sonore, che si traducono all’orecchio dell’ascoltatore in sensazioni emotive, colori o altre percezioni cognitive. Difatti alcune persone riescono ad identificare certi intervalli più facilmente rispetto ad altri proprio grazie a queste sensazioni che fungono da gancio naturale per il riconoscimento del suono. Quali e quanti siano questi intervalli naturalmente riconoscibili è un fattore dipendente dai singoli individui, in tutti gli altri casi abbiamo bisogno di creare un’associazione che permetta di ricondurre il suono a qualcosa di più familiare, che già ci appartiene ed è più facilmente riconoscibile.

Il modo più naturale di costruire quest’associazione è farlo attraverso i cosiddetti ganci melodici (melodic hooks). Trattandosi infatti di intervalli melodici è possibile associare ognuno di questi a melodie, appunto, di brani già noti rendendo il loro riconoscimento più semplice e immediato.

Funzionamento di un Gancio Melodico

Ad esempio, suonando l’intervallo ascendente G–B potrebbe venire in mente l’inizio di Oh, When the Saints e sapendo che questa melodia inizia con una terza maggiore avremo trovato l’intervallo. Dovrebbe essere chiaro quindi che abbiamo bisogno di una lista di 24 brani le cui melodie contengono da qualche parte (possibilmente all’inizio) uno tra i diversi intervalli melodici esistenti in un’ottava e la buona notizia è che li fuori abbiamo migliaia di brani da cui scegliere.

La tabella Intervalli–Brani

Il brano che sceglieremo di associare ad ogni intervallo melodico è una questione strettamente personale. Non deve necessariamente essere mostruoso, di moda o straordinario, al contrario, le associazioni funzioneranno tanto meglio quanto più significativo e in relazione con noi sarà la melodia scelta. Canzoni popolari, brani noti come Tanti Auguri a Te, spot pubblicitari e perfino la ninna nanna cantata da vostra mamma per mettervi a letto da bambini, sono generalmente di gran lunga più efficaci rispetto a, per dire, Speak No Evil o Donna Lee. Passate in rassegna le melodie che più vi piacciono o a cui siete legati e analizzate i loro intervalli iniziali. Se per qualche intervallo non riuscite subito a trovare un brano da associare, andate semplicemente oltre e ritornateci successivamente.

Una volta costruita la tabella di associazioni intervalli–brani dovremo memorizzare il nome dell’intervallo iniziale per ognuna delle melodie. A questo punto per scoprire il nome dell’intervallo suonato (o che qualcuno suona per noi), sarà sufficiente provare a cantare con quelle due note la melodia di uno dei brani della nostra tabella: riconosciuto il brano avremo trovato l’intervallo. Questo processo di riconoscimento può sembrare lungo e articolato, ma diverrà sempre più rapido col passare del tempo fino a divenire quasi istantaneo con l’esperienza: il nostro cervello scavalcherà il processo di ricerca del brano fornendoci direttamente il nome dell’intervallo.

Seguendo questo link potrete scaricare un documento contenente una tabella già compilata, da usare come suggerimento, e una tabella vuota che spetterà a voi riempire in base alle vostre preferenze. Nel documento sono anche presenti alcune idee per esercitarsi, inizialmente sarà opportuno limitare gli esercizi soltanto ad alcuni tipi di intervalli aggiungendone di nuovi man mano che si avanza nel riconoscimento.

E voi, quali intervalli riconoscete con facilità? Siete a conoscenza di altri approcci da suggerire?

Unisciti ai 449 jazzisti già iscritti!

Lascia un commento

Ultimi Articoli